Yunnan pearls: giochiamo?!

Identikit

Tipologia: tè nero.
Raccolto: primavera 2020.
Provenienza: montagne nebbiose del Fengqing-Yunnan-Cina.
Infusione: orientale con gaiwan; 30ml; 95°C; 1,2g; risciacquo di 6s; 15+5s; 7 infusioni.
Aromi principali: frutta, frutta cotta, cioccolato, pepe nero.
Sapore: dolce, acido ed un poco minerale.

Il carattere docile ed infantile di queste perle nere dello Yunnan riesce a commuovere il lato più intimo ed infantile con i suoi aromi: essi trasudano semplicità ma, riuniti, danno vita ad un profilo articolato e complesso quanto chiaro e genuino.
La forma appallottolata delle foglie, che invita ad un approccio ludico rassomigliando a biglie marrone cromato e grigio antracite, velate dalla presenza di gemme oro smorzato le quali si riavvolgono come i decori colorati del vetro soffiato, segna l’inizio dei giochi.
Rotolando nella gaiwan riscaldata, le sfere lasciano una scia di legni dolci, sandalo e terracotta per poi, nel corso delle infusioni, aprirsi lentamente, sprigionando un più intenso sentore di frutta cotta, albicocche, uvetta verde ed intriganti solchi speziati, di pepe nero e peperoncino.
Le tazze si susseguono in rapida successione, invitandosi a vicenda, mentre l’una invoglia all’assaggio della successiva, all’interno di una rapida ed interessante evoluzione, ch’evolve da iniziali sentori di legno con tocchi di zest ad una successiva dolcezza fruttata, tra la mela cotta e l’uva bianca, per poi, infine, appagare il palato con richiami al cioccolato al latte e vaniglia, mantenendo sempre una certa acidità ed un corpo sostenuto unitamente a lunga persistenza e struttura avvolgente. Il liquore, tra l’oro vivo e l’ocra, indora inoltre i sensi con accenni di pere, cioccolato al latte e pane appena sfornato, accompagnando il tutto con una presente mineralità, costante anche al palato.
Al termine della sessione, possiamo ancora godere dei germogli che, ormai completamente srotolati ed interi, rivelano una gemma ed al più due foglie, di dimensioni importanti e con cromature che palleggiano tra il marrone noce ed il mogano, riprendendo quel profumo di gianduia e cioccolato al latte che, tenace, impregna il fondo della tazza vuota e risveglia i nostri ricordi più gioiosi e remoti…

Per l’occasione, date le note calde e “cioccolatose” di questo atipico Yunnan pearls, non ho potuto esimermi dall’azzardare un abbinamento con il cioccolato stesso. In questo caso, ho optato per una tavoletta fondente 80% con cacao d’alta qualità proveniente dal Perù. Una fusione uniforme ma non troppo rapida permette di godere appieno della buona rotondità e della cremosità che bene si sposa con la corposità del tè il quale, grazie ai propri aromi, valorizza i sentori di pan di Spagna, vaniglia, noci ed arachidi al naturale presenti nel cioccolato il quale, con un continuo e delicato retrogusto acidulo, simile al succo di limone, non risulta affatto monotono od estremamente pesante al gusto.
Un doveroso accenno dev’essere fatto riguardo al produttore della barretta in questione, Rukét, piccola realtà artigiana che rappresenta un’eccellenza tutta italiana da conoscere e non sottovalutare. A Sant’Agostino (provincia di Ferrara), all’interno del suo “Teatro del gelato”, Marco Gruppioni è tra i pochi nostri concittadini che, dal 2013, ha deciso di produrre cioccolato bean-to-bar, scegliendo e lavorando personalmente le singole fave utilizzate nonché dotandosi di tutta l’attrezzatura necessaria per la creazione di un laboratorio.
Come spesso accade, ignoriamo quanto anche nel nostro Paese si possa trovare in termini qualitativi pertanto, se ne avrete l’occasione, v’invito a degustare uno dei prodotti in questione e, magari, a fare la conoscenza dello stesso Marco, approfondendo così la sua storia e quella dell’attività ch’egli gestisce.  

Omar.

2 commenti su “Yunnan pearls: giochiamo?!”

  1. Pingback: Rukét: uno spettacolo al profumo di cacao – Vagamentè

  2. Pingback: La società dei draghi del tè: offrire un tè ai bambini – Vagamentè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email