Summer 2020 Oriental Beauty premium grade house blend: un blend “piccante”!

Identikit

Tipologia: tè oolong a medio-alta ossidazione e leggermente tostato in forno.
Produttore: Taiwan Tea Crafts.
Raccolto: a mano, Giugno 2020.
Provenienza: Emei-Hshinchu-Taiwan-600m.
Cultivar: Qing Xin Da Mu.
Infusione: orientale; 85°C; 60ml; 2,6g; 15+5s; 6 infusioni.
Aromi principali: osmanto, cedro candito, miele, zucchero di canna, peperoncino, pepe.
Sapore: molto dolce.

Beviamoci su!

Come ogni blend in linea di massima si prefigge quale obiettivo, anche in questo caso siamo dinnanzi ad una misurata miscela di foglie in grado d’esaltare le qualità aromatiche caratteristiche della tipologia di prodotto. Intensi richiami all’osmanto, alle albicocche ed agli agrumi canditi, con forse maggiore inclinazione a quest’ultimi, denotano buona parte dello spettro aromatico che ci possiamo attendere… ma non è tutto!
Pure nella sua “standardizzazione”, il tè in questione si discosta dai suoi omonimi per la fase di raccolta, effettuata a mano. S’avverte, nell’arco della degustazione, un’energia vibrante, vitale: un vigore che deve probabilmente la sua origine all’approccio manuale e che oserei chiamare, suonando forse profano, qi, nella convinzione che questi affondi sicuramente le proprie radici nel terroir e nella storia ma, al contempo, possa trarre nutrimento anche dall’opera dell’uomo, dall’intenzione, dal processo di lavorazione.

Osservando le foglie stesse, possiamo già evincere la cura adottata non solo nella raccolta, ma anche nella manipolazione. Inebriati da un potente aroma fruttato, di mele Red Delicious e papaya cosparse di zucchero di canna nonché adagiate su accordi di osmanto e cedro candito, possiamo godere di un arrotolamento particolarmente delicato ed una buona presenza di gemme grigio perla il cui lucore spicca sull’omogeneo grigio grafite.
D’altro canto, l’infuso non tradisce le premesse iniziali, dispiegando germogli ancora intatti composti dalla gemma e dalle tre foglie sottostanti le quali, completamente rispettate, mostrano pienamente le loro fattezze, tanto da poterne accertare la forma lanceolata, la punta acuta e la seghettatura nella norma.

Purificata e ravvivata l’attrezzatura, mentre il secco a sfioro con la gaiwan effonde note decisamente più caramellate, d’osmanto e zucchero di canna, possiamo accingerci ad effettuare la prima infusione.
Un liquore giallo Napoli si riversa nella tazza accompagnato dal suo strascico d’osmanto e ginseng, con una vaga, sconcertante nota di cloro.
All’assaggio, vigorosa è l’impressione di scrioppo d’acero chiaro, confettura d’albicocche, osmanto e zucchero di canna, in totale allineamento con le aspettative, ma è a partire dalle sorsate successive, mentre la bevanda assume riflessi miele e croco, che la peculiarità non solo visiva di questo tè, già preannunciata dai vapori del liquore stesso, si manifesta in maniera piuttosto evidente, quasi aggressiva (ma non per questo spiacevole).
Sentori speziati, inizialmente di peperoncino e pepe rosso, poi di ginseng, pepe di Cayenna ed Ancho, invadono la piazza aromatica improvvisando una danza armonica con le sempre presenti note di miele, zucchero di canna e caramello, dando vita, unitamente alla lunga persistenza improntata al bingtang (dolcezza simile al succo di pera), ad un effetto quasi “frizzante”.

La notevole evoluzione aromatica esperibile attraverso le diverse infusioni, retta dall’ottima densità ed una struttura piena, rotonda, permea anche la fragranza dell’infuso cui possiamo ora dedicare il nostro tempo, inalando polveri di coriandolo, pimento, pepe rosso e capperi, con piacevoli inclinazioni floreali di primule ed osmanto. Residuo della dolcezza iniziale è ciò che troviamo invece nella tazza drenata, la quale accoglie un ricco bouquet di polline, zenzero candito, ginseng e biscotti secchi sorprendendoci, un’ultima volta, con un inaspettato suggerimento di cera d’api.
Un tè, in conclusione, dalla complessità tutto sommato notevole, a rimostranza che “blend”, come tutte le etichette, è soltanto una parola…

Omar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email